PROVERBI E MODI DI DIRE SULLA MEDICINA A SARACENA(DAL VERNACOLO DI BIAGIO DI BENEDETTO)

A chep’i l’omm’ jè nna spogghj’i cipuddra:

la caducità delle umane cose…e ricorda che

a cchiov’e a murì non ci vo’ nnent’,

ed ancora, che

a megghja morta jè ra subitanea:

senza lunghe degenze e senza avere, così, bisogno del medico

che, oltretutto, ne sa meno dell’ammalato, se è vero che

ni sep’cchiù u patut’ c’u midico,

e ancora:

ve’ addr’u patut’ e lassa stè u midico!

Per stare bene, l’alimentazione è ritenuta fondamentale:

u janch’e ru russ’ ven’ d’u muss’… saccu vacant’ no’ stè ‘mpid’!

Per i piccoli malanni:

pinnul’ i cucina e scirupp’ i cantina
(vino e polpette)

e

pp’r’u catarr’…vino ccu r’u carr’!

Ma, innanzi tutto, ricorda (ccu tutt’u rispitt’):

piscia chier’ e frichit’ d’u midico!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...